pari o dispariPari o dispari?

L’uguaglianza è un valore portante nella definizione di una società libera e democratica, un diritto fondamentale per gli individui che ne fanno parte. Tuttavia, in libertà e democrazia, è imprescindibile il riconoscimento del diritto alla diversità, la possibilità di ciascuno di godere pienamente dei propri diritti indipendentemente dalle caratteristiche che lo contraddistinguono, dai valori che lo attraversano.
La molteplicità di identità che la nostra epoca esprime, scaraventandole in un medesimo scenario sociale, ci costringe anzi ad interrogarci su come valorizzare la diversità, su come trasformarla in risorsa per la vita delle donne e degli uomini. Un simile cammino – affascinante quanto complesso – non può che interessare tutte le dimensioni della vita collettiva: intellettuale/culturale, etica, politica, perfino spirituale. Come scrisse Albert Camus:

la storia è sempre in movimento e i popoli si evolvono con essa e non esiste una situazione storica definitiva: chi non vuole adattarsi al ritmo delle sue variazioni deve rassegnarsi a restare indietro.

Il continuo mutamento della società richiede certamente un adeguamento delle istituzioni e delle regole che accompagnano la nostra vita quotidiana, ma anche la disponibilità di tutti a confrontarsi su un piano più alto, in un dibattito che sia confronto di idee, e non in una polemica che sia bisticcio di slogan.
È indispensabile pensare che la possibilità di costruire una società vivibile per tutti esista, purché si sia in grado di immaginare nuovi scenari anziché inseguirli, purché sia sia disposti a vivere ogni cambiamento con gli strumenti necessari, politici e culturali, collettivi e individuali. Come recita il primo articolo della “Dichiarazione universale dei Diritti dell’uomo”:

Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Sono tutti dotati di ragione e coscienza e devono agire gli uni con gli altri con uno spirito di fratellanza.

Come conciliare uguaglianza e differenza? Parità e disparità? È pensabile riorganizzare una comunità solidale a partire dalle diversità, è possibile compiere un’evoluzione storica in modo pacifico e fecondo? Che si tratti di questioni di genere, di conflitti tra il Nord e il Sud del mondo, tra le religioni d’Oriente e d’Occidente, di disparità economiche in seno alla nostra società, occorre essere disponibili a riformulare prassi e regole che garantiscono i diritti, superando contrapposizione e conflitti.
Anche mettendosi “in gioco”, intendendo ovviamente il gioco nella sua accezione più ampia, in quanto dimensione fondamentale in cui esercitare la facoltà dell’immaginazione, in cui superare il qui ed ora, in cui conciliare gli opposti coltivando libertà, speranza e creatività. In un mondo governato da incertezza e continui cambiamenti, in cui l’identità personale e collettiva è chiamata a farsi meticcia, sottoposta a una costante ibridazione di idee e stili di vita, tutto ciò che ci rende più forti è la capacità di giocare e di essere funambolici, saper pensare e agire al di là delle rigide definizioni e dei copioni preconfezionati.

Allora… non resta che cominciare a giocare: “Pari o dispari?”


Sezioni

Laboratorio Europa

  • MyFace MyBook
  • Laboratori e workshop
  • Attività di coinvolgimento e divulgazione dei programmi Europei (Erasmus Plus, Europa Creativa, Horizon 2020)
  • Condivisione di buone pratiche sulla promozione della lettura in Europa

Leggerissimo

Presentazione di progetti editoriali, libri e riviste in forma non tradizionale, incontri, dibattiti, tavole rotonde, giornate di studio, proiezione di film e documentari, chiacchierate e confronti, giochi e passatempo. Questa edizione sarà un viaggio sui temi del lavoro, attraverso la letteratura e l’arte, il cinema, la fotografia, la poesia e lo sport…

Libri di libri

Chi ama leggere sa che ogni libro è un infinito rimando ad altri. In libreria non mancano certo i libri che parlano di altri libri, come pure romanzi con al centro il mondo delle librerie, delle biblioteche, dove si racconta di lettori, scrittori, della genesi o delle avventure raccontate in un altro romanzo. Seguendo questa traccia intendiamo stimolare la lettura dei classici e contagiare e stimolare l’entusiasmo e l’amore per la lettura.

Leggere il mondo

Performance artistiche, spettacoli teatrali e musicali, mostre ed allestimenti, sempre legati in maniera diretta al libro e alla lettura e sviluppati come percorsi di lettura del mondo.

Letture di gusto

Incontri e dibattiti, tavole rotonde, spuntini letterari e restituzione di studi e ricerche su temi legati all’enogastronomia, all’agricoltura, all’artigianato, per riportare il cibo al centro di un processo produttivo e creativo finalizzato al godimento della vita, con coscienza e attenzione alla salvaguardia delle risorse e degli equilibri della Terra.

EquiLIBRI

La sezione mira a investire il libro e la lettura di un’inedita forza curativa e inclusiva, attraverso un processo innovativo di discussione, incontro e apertura alle tematiche delle disabilità. Attraverso la promozione della lettura s’intende creare un’occasione di avvicinamento e integrazione tra le persone che vivono l’esperienza della disabilità e dell’emarginazione e il resto della comunità in un processo di recupero di dignità e diritti.

Edizione 2016

Updated on 2016-05-02T14:03:04+00:00, by admin.